Chiunque ha fatto esperienza del principio di Archimede nella propria vita. E' una legge fisica, impossibile da contrastare, che permette ad un corpo immerso in un fluido di galleggiare. Nessuno la mette in dubbio. Francesco D'Acri intuisce che anche il cuore dell'uomo è sottoposto a questa legge: non c'è nessuna esperienza, positiva o negativa, gratificante o drammatica, vissuta personalmente o per interposta persona, che possiamo nascondere a noi stessi. Ci proviamo ma non funziona. Possiamo provare a spingere i nostri desideri, i nostri dolori o anche i nostri dubbi sul fondo dell'abisso del mare della quotidianità, ma non possiamo evitare che, in qualche modo, essi emergano dal magma confuso e melmoso della nostra vita: la nascita di un figlio, una notte insonne a cercare di rimettere insieme la nostra vita, il suicidio di un amico, la semplice bellezza di coppie che ballano in una sera d'estate, la nostalgia per Milano, un libro che parla di musica o di dubbi sulla capacità di vivere la vita che si vorrebbe.

Non si può contrastare questa spinta, questa domanda di senso. Esattamente come non si può contrastare il principio di Archimede. Ma l'uomo non sempre accetta di essere se stesso e di lasciare emergere il proprio cuore dall'abisso dell'apparente mancanza di senso della vita: può passare una vita a nascondere se stesso al mondo, interpretando così una vita non sua.

Per Francesco, conscio di essere personalmente sconfitto da questa mentalità, la musica è diventata la spinta necessaria con cui tirar fuori quello che ha di più caro, il proprio io, troppe volte calpestato da logiche di interesse, ideologici ed economici, che siano personali, di pochi o di molti. E' lo strumento con cui affrontare le difficoltà e le gioie della vita e con cui fare un "coming out" continuo di quello che è nascosto nel fondo della propria anima, del proprio essere, che non potrà mai essere ingabbiato in nessuna struttura.

Il principio di Archimede

Versi Fragili

C'è un'isola dove tira un vento

di emozioni un po' vintage

questa e' un'isola per chi va al di la'

della noia e della sua normalità

Ritornello:

naufrago di troppi miti andati a fondo

nell'oceano più profondo

tra canzoni inutili 

stanco giro il mappamondo

come un folle vagabondo

inseguendo nuovi versi fragili

 

Solitario vado via verso il mare aperto

la mia scia una melodia

sfido Ercole più in là dell’immensità

oltre ai sogni ed alle mie capacità

 

Rit.

 

Chi ti ascolterà

Chi ti accoglierà

 

Piango ma non mi nascondo

entro a viso aperto

ogni sera un nuovo bar

cerco i segni di quell’isola

un amico ad aspettarmi ci sarà

 

Rit.

  • Twitter Clean
  • Facebook Clean
  • SoundCloud Clean
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Tyler Reece. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now